Visitare Bergamo: Città Alta in breve
Ott25

Visitare Bergamo: Città Alta in breve

Visitare Bergamo significa non perdere Città Alta. Racchiusa tra le mura, custode di monumenti e immersa in un’atmosfera antica, di secoli fa, Città Alta stupisce. Si può raggiungere Città Alta con la funicolare che da Città Bassa in viale Vittorio Emanuele II,  porta direttamente in piazza Mercato delle Scarpe. Da lì, sulla sinistra, si può raggiungere la Rocca attraverso uno dei vicoli che sale sul colle. La Rocca venne costruita a scopo difensivo nel XIV secolo e oggi, oltre ad ospitare il museo storico di Bergamo, da la possibilità al visitatore di godere del suo parco da cui il panorama sulle prealpi Orobie è unico. Dall’arrivo della funicolare proseguendo dritti, si giunge al cuore di Città: Piazza Vecchia, sovrastata dalla Torre Civica. Attorno ad essa magnifici palazzi, tra cui Palazzo della Ragione. Sul lato Sud della piazza c’è da rimanere a bocca aperta: il Duomo, dedicato al patrono della città Sant’Alessandro, la splendida Basilica di Santa Maria Maggiore, la rinascimentale Cappella Colleoni e il trecentesco Battistero. Assolutamente da visitare. Percorrendo la via che veniva chiamata “Corsarola” si giunge a Colle Aperto e da lì parte la seconda funicolare che porta al Castello di San Vigilio, altra costruzione imperdibile, ricca di fascino e posta in un punto con vista a 360 gradi. Un consiglio è quello di scendere a piedi da Città Alta costeggiando le Mura Venete, per riempire gli occhi dell‘unicità del...

Read More
Le imponenti Mura di Bergamo
Ott21

Le imponenti Mura di Bergamo

Si notano subito le imponenti mura di Bergamo che circondano Città Alta e la racchiudono sulla collina come a proteggerla. Sì perchè era questo lo scopo iniziale delle mura, costruite per motivi difensivi ma in realtà mai usate per quello scopo. Così diventarono più un ornamento per la città, nonostante al loro interno ancora ci siano i cunicoli scavati per custodire le armi e per creare un collegamento col castello di San Vigilio che sorge sulla parte più alta del colle. Le mura sono il luogo ideale per una passeggiata, ammirando tutta la pianura, i primi monti delle Alpi Orobie, ma anche le splendide ville del borgo che sulle mura stesse si appoggiano. Prendete tempo e percorretele a piedi, godendo del suggestivo paesaggio e consigliata è la visita all’interno dei tunnel...

Read More

Guida turistica Bergamo: è arrivata SmarTrippin, la prima app della città orobica

Tablet, iPad, iPhone e smartphone, sono diventati i compagni di viaggio dei turisti di tutto il mondo. Chi li possiede non può più fare a meno di viaggiare senza qualche app di supporto, che aiuti a scoprire i tesori e le meraviglie di una città. Da qualche tempo è nata SmarTrippin: guida turistica di Bergamo altamente innovativa. Immaginate di trovarvi di fronte ad una chiesa, un palazzo, un monumento, uno spazio, un panorama e utilizzare lo smartphone come guida turistica personale e multilingua. Avrete la possibilità di geo-localizzarvi, ascoltare l’audio come se aveste una guida turistica personale, sfogliare foto, condividere contenuti digitali con altri utenti, ripercorrere la storia, trovare informazioni su dove andare nei dintorni, dove pranzare, dove dormire, itinerari personalizzati e geo-localizzati, informazioni costantemente aggiornate. La visita risulterà più interessante ed emozionante, senza dover sopportare il peso di mappe cartacee e libretti. Cercate in google “ Guida turistica Bergamo ”: troverete SmarTrippin, la prima app per visitare Bergamo, le sue meraviglie, gli itinerari turistici, artistici ed enogastronomici della...

Read More
Le 10 cose da vedere a Bergamo
Ott07

Le 10 cose da vedere a Bergamo

Da un po’ di tempo è scoppiata sul web la moda delle classifiche: le 10 canzoni più belle dell’estate, le 50 gelaterie più buone d’Italia, i 20 migliori siti internet, i 10 vicini di ombrellone che non vorresti mai avere e via dicendo. Tra le più classiche sicuramente ci sono le classifiche riguardanti il turismo, per capirci le 10 città imperdibili o le 10 più belle d’Italia. Travolti anche noi dalla hit mania, cavalchiamo l’onda e stiliamo la lista de “Le 10 cose da vedere a Bergamo”. 10 – Via Pignolo Alta. È la strada scelta dagli aristocratici durante il dominio veneziano per edificare i palazzi nobiliari che ancora oggi ornano la salita, con i loro portici, cortili e giardini raffinatissimi. Tra gli edifici di rilievo ci sono il settecentesco Palazzo Bonomi, il Palazzo Daina che ricorda Palazzo dei Diamanti di Ferrara, Palazzo albani-Bonomi e Palazzo Grataroli-Marenzi, in stile rinascimentale. 9 – Via Bartolomeo Colleoni. Chiamata dai bergamaschi “corsarola”, ovvero passeggiata, è il luogo in cui la gente si riversa durante il fine settimana poiché piena di negozi, bar, alberghi e ristoranti esattamente come un tempo quando erano le locande e le osterie ad affacciarsi sulla via. 8 – Il Sentierone. È un viale alberato edificato nel 1620 dai mercanti bergamaschi a fine commerciale ed oggi è diventato luogo di passeggio cittadino. Si affacciano su questo luogo il Settecentesco Teatro Donizetti, la chiesa di San Bartolomeo e Stefano che ospita la Pala Martinengo dipinta da Lorenzo Lotto e l’edificio una volta sede degli affari commerciali e che ora ospita sotto il suo portico, negozi e locali noti come la pasticceria Balzer. 7 – Chisa di Santa Maria Maggiore. La chiesa dei cittadini le cui basi furono poste nel 1137, è oggi uno dei monumenti più particolari e rilevanti di Città Alta e di Bergamo. All’esterno lo stile è romanico, ma ricchi sono i portali edificati nel Trecento, i quali sono posti su due facciate della basilica, così che essa presenta due ingressi. L’interno, invece, è un mix di affreschi medievali e stucchi barocchi, sono contenute opere ideate da Lorenzo Lotto, arazzi, strutture finemente scolpite. La chiesa ospita la tomba di Gaetano Donizetti accanto a quella del suo maestro Simone Mayr. 6 – Accademia Carrara. Un edificio del primo Ottocento su tre livelli che presenta all’esterno una facciata neo-classica e all’interno custodisce più di 1800 tra i dipinti più belli e prestigiosi dell’arte italiana. Tra gli artisti presenti, Botticelli, Pisanello, Bellini,Carpaccio, Mantegna, Tiziano e Raffaello. Inoltre presenti opere di artisti locali come Moroni e Baschenis e, singolare, sono conservate anche 26 carte di uno dei più antichi mazzi di tarocchi....

Read More